La sera è piena di fuochi.
Si brucia l’inverno, che non è mai arrivato.

Oggi, al suo funerale, ho conosciuto un uomo che avrei voluto incontrare.

Anche noi abbiamo il nostro falò.

Quando arrivo i contadini l’hanno già acceso, lo sguardo tra le fiamme.

Osservo le scintille farsi largo nella notte.

Ascolto i discorsi intrecciarsi, tra persone che vivono accanto: un retaggio del passato.

Sono felice di stare in disparte, sentire la legna che arde, rinnovando la sua promessa di primavera.

Sono felice di stare in disparte, ma in mezzo a loro, questi vecchi che sanno cosa sia una comunità.
Questi giovani che, spero, lo ricorderanno.

Soundtrack: C.S.I., Fuochi nella notte