c’è luce
alla base dei campi
e notte
dove l’uomo
costruisce la tana

l’occhio s’abitua
ai confini
tra le zolle
agli scheletri dei pioppi
a qualche rado fuoco

la coperta
della terra
s’addormenta
sognando
del cielo che s’inchina

poi
anche la mia sera
passa
col profumo dell’estate
che forse s’indovina

22 – 27.3.2002