Un’amica mi dice che sono la persona più comprensiva che lei conosca, che la mia capacità di entrare in empatia con gli altri è unica.

Ma mi dice anche che addentrarsi nei territori del mio spirito è pericoloso: sembra di aggirarsi in una cristalleria, dove, ad una minima mossa, si rischia di frantumare qualcosa.

Ed è proprio così.

Nonostante quest’aria scorbutica, questo fare scostante, sono sempre la bambina indifesa di un tempo.

Non che non ci abbia provato. A difendermi.

Nulla da fare.

Allora ho rinunciato. Ecco tutto.

Per commentare questo articolo collegati a:

http://filosoffessa.tumblr.com/post/11406496

Annunci