E’ stato un sogno del mattino, di quelli in cui comincia ad insinuarsi la realtà.

Tu mi guardavi. Mi prendevi la mano.

Un gesto semplice, fraterno.

Come quando ci siamo rivisti, dopo l’avventura dell’ospedale, e mi hai detto “Sono contento che siamo qui”.

Per commentare questo articolo collegati a:

http://filosoffessa.tumblr.com/post/13320875