Ci sono giorni che questa diventa la mia ora preferita.
Quando il sole è tramontato e non resta che una striscia arancio, dietro i tetti.
La casa talmente silenziosa che sento l’acqua salire nei termosifoni.

Allora fisso la finestra finché la luce non si ritira tutta, oltre il vetro.
Finché non si nasconde tra i rami della magnoglia, attraversa il giardino e scompare.

Resto così, nel silenzio.
Nel buio che conserva ancora un barlume.
Nella sera che non è ancora notte.
Nel cielo che svela le prime stelle, alla fine d’un pomeriggio d’autunno.

Resto così finché non sono obbligata ad alzarmi.

[Per commentare questo articolo collegati a: http://filosoffessa.tumblr.com/post/20742622]

Annunci