alla fine ti amo
come quando ogni mattina
vieni al mondo
per lo sguardo che schiuma
dal profondo
e conquista il suo potere
se ogni cosa china
il capo
al volere delle mani
se s’abbandona incerta
a gesti lenti – piani
e sale al tuo richiamo

14.12.1998

[Per commentare questo articolo collegati a: http://filosoffessa.tumblr.com/post/21604109]