Le tredicenni la fanno facile
affidando gli affanni
ad un foglio verdino

e dentro ci sei tu
o Leonardo Di Caprio
– che importa? –

del resto non fa differenza
ciò che conta per loro
non è la presenza o l’assenza

A me invece
gli anni diventano gravi
proprio non riesco a dimenticarli

i passi li rendono ampi
e a contarli
mi smarrisco: adesso mi manchi

perché mi ricordi quell’altro
ch’è via come te
ora che sei partito

Perché nuovamente c’è un lutto
un rimpianto per quello ch’è stato
per ciò che non abbiamo detto

O forse non abbiamo capito

26.4.1998

[Per commentare questo articolo collegati a: http://filosoffessa.tumblr.com/post/32499703]

Annunci