E’ un po’ di tempo che mi sveglio alle cinque e per ore attendo il sonno che non viene.

Ti ascolto respirare, disteso accanto a me: il tuo russare lieve, gentile, come tutto è gentile, in te.

Vorrei esserti vicino, nei tuoi sogni, invece è fatale che siamo qui, l’uno accanto all’altra, eppure ognuno nel suo mondo.

Io che ho basato tutta la mia vita sull’amore sono destinata a perdere.

L’amore non può raggiungerti ovunque, varcare la soglia del sonno, sconfiggere la morte.

[Per commentare questo articolo collegati a: http://filosoffessa.tumblr.com/post/47746152/una-perdente]